Parcheggiare a Mestre

Parcheggiare a Mestre può rivelarsi una valida alternativa per raggiungere Venezia. Infatti, presso la maggior parte delle aree di sosta dislocate nel territorio urbano di Mestre è possibile prendere l’autobus o il tram verso Venezia. In uno dei primi articoli vi ho parlato dei punti di accesso a Venezia, indicandovi i parcheggi di p.le Roma e Tronchetto per poter avere immediato accesso ai vaporetti. In questo articolo, invece, vi parlerò delle svariate possibilità per parcheggiare il vostro veicolo a Mestre, spendendo molto meno.

Parcheggiare a Mestre

Parcheggiare a Mestre: le aree di sosta più prossime a Venezia

Ci sono due aree di sosta molto vicine a Venezia, sostanzialmente ai piedi del ponte della Libertà, e sono l’area di San Giuliano e il parcheggio ai Petroli.

Attualmente, il parcheggio Petroli risulta essere il più comodo per tanti aspetti, primo fra tutti la gratuità. Ebbene sì, la sosta è gratuita, ci sono circa 400 posti auto e, dulcis in fundo, c’è la navetta PK1 che parte ogni 10 minuti nelle fasce orarie di punta e ogni 15 minuti in altre fasce orarie che porta direttamente a Venezia.

La navetta non è gratuita, fa parte del servizio di trasporto pubblico locale di AVM/Actv pertanto il costo del titolo di viaggio è di € 1,50. L’acquisto, per chi arrivasse alla spicciolata, è disponibile tramite l’applicazione AVM Venezia Official app.

L’ area di sosta di San Giuliano è molto spaziosa e permette la gratuità per le prime 3 ore di permanenza presso il parco. Attraversando la strada, c’è la fermata dell’autobus che porta a Venezia. Le linee disponibili per raggiungere la città lagunare sono la 5, la 12L, la 19, la 24 e 24H. Ci sono anche corse notturne con la linea N1 attiva tutta la notte. Risulta essere un ottimo compromesso per chi non desidera spendere un capitale per lasciare l’auto a Venezia.

Parcheggiare a Mestre centro

Mestre centro è ricca di aree di sosta. Con questo intendo dire che sono disponibili gli stalli delle strisce blu, alcune aree di sosta molto ampie e i parcheggi in struttura, con costi, però, più elevati. Nel video qui sotto sono illustrati i maggiori parcheggi sia a raso che in struttura disponibili nel centro. 

Naturalmente sono disponibili anche i classici stalli delle strisce blu e sono un po’ ovunque, ma è necessario fare attenzione alla ZTL, perciò consiglio vivamente di parcheggiare all’Einaudi arrivando dalla tangenziale, o presso i parcheggi in struttura.

Attualmente, la sosta sugli stalli delle strisce blu prevede la gratuità per i primi 90 minuti. Questo per favorire una maggiore mobilità e consentire di sostare sia per commissioni brevi, sia per qualcosa di più impegnativo abbonando un’ora e mezza di permanenza. Il pagamento avviene tramite i classici parcometri o tramite l’app AVM Venezia Official app. Sì, proprio la stessa applicazione per l’acquisto dei biglietti del trasporto pubblico.

I parcheggi scambiatori

Un’alternativa per non addentrarsi nel centro di Mestre è sicuramente l’uso dei parcheggi scambiatori. Sono situati ai margini del territorio urbano, sono spaziosi e gratuiti (ad eccezione di P2 e P5) e consentono quello che viene definito trasporto intermodale, ossia l’interscambio con altri mezzi. In questo caso, l’interscambio avviene con i mezzi pubblici di linea, gli autobus della società AVM/Actv. Qui trovi gli orari del servizio automobilistico urbano ed extraurbano. Spesso, nei dintorni, non vi sono punti vendita per l’acquisto di titoli di viaggio, o magari i concessionari dedicati alla vendita dei biglietti sono chiusi, pertanto, anche in questo caso, consiglio l’acquisto tramite l’app AVM Venezia Official app

 

 

Scarica la mappa dei parcheggi scambiatori

Rispondi