Ricette veneziane: la castradina

Ricette veneziane: la castradina. Ma cos’è questa cosa con questo nome così poco invitante? Non fatevi ingannare da questo termine che a tutto fa pensare fuorché ad un ottimo piatto lagunare. Eppure…

Innanzitutto la castradina è una pietanza che per tradizione si cucina a Venezia in occasione della ricorrenza della Madonna della Salute, ossia il 21 novembre. Si ricorda, infatti, la fine della pestilenza del 1630. Si prepara con carne di montone seccata e affumicata proveniente dalla Dalmazia. Fino a pochi decenni fa era un piatto molto comune ed economico ma allo stato attuale è un po’ meno economico. Inoltre, non si trova più con gran facilità: bisogna infatti prenotarla per tempo dal proprio macellaio.

Ricette veneziane: la castradina

INGREDIENTI

Gli ingredienti proposti sono per circa otto persone. Vediamo insieme quali sono:

  • un chilo e mezzo di carne di montone
  • due etti di lardo battuto
  • due spicchi d’aglio
  • un rametto di rosmarino
  • sale e pepe
  • un bicchiere di olio
  • una verza di circa un chilo e mezzo

 

Preparazione di ricette veneziane: la castradina

Per la castradina, si adopera preferibilmente il cosciotto del montone. Lo si lava bene e si taglia a pezzi di media grandezza che si metteranno in una pentola di acqua fredda portandola poi ad ebollizione. Si lascia bollire qualche minuto, si getta l’acqua e si la sostituisce con dell’altra acqua fredda nella quale si farà cuocere la carne fin quando sarà morbida. Preparare un tegame di “verze sofegae” nel seguente modo: mettere in un tegame un po’ d’olio, un battuto di lardo, due spicchi d’aglio e del rosmarino. Poi far soffriggere e gettare via l’aglio. Aggiungere una grande verza tagliata a listarelle, salare, pepare e far cuocere per un paio d’ore. Servire le verze con la carne di montone scolata dall’acqua, eventualmente accompagnata da una bella polenta gialla piuttosto tenera. Un’altra versione prevede di servire le verze con carne di montone nel suo brodo.

One Pingback

Rispondi